Psychology Today

Gérard Dubois
Gérard Dubois

Teresa Burgado era di nuovo innamorata. La sua relazione con Eduardo è iniziata sul treno A. Ogni mattina saliva alla fermata prima della sua, nell’Upper Manhattan. Entrambi avevano un lavoro a Brooklyn, lei come consulente di crisi per bambini, lui a caricare camion in un magazzino. Cominciarono a scambiarsi sguardi. Lui iniziò a conversare. Immigrato dalla Repubblica Dominicana, parlava solo spagnolo. Lei non conosceva la lingua, ma riuscirono a scambiarsi i numeri.

“Le nostre conversazioni all’inizio erano solo: ‘Ciao, come stai? Bene? Arrivederci, mañana”, ricorda Teresa.

Le corse in metropolitana, e alla fine le conversazioni interrotte al telefono e a cena nei suoi ristoranti dominicani preferiti, divennero rapidamente l’ancora di Teresa in una vita in subbuglio. Aveva tre figli con due uomini diversi, entrambi violenti. I suoi sforzi per lasciarli erano complicati dalla sua profonda paura dell’abbandono, che la mandava in crisi di tagli, settimane senza mangiare e tentativi di suicidio. È stata dentro e fuori dai rifugi per i senzatetto e dalle cure psichiatriche ospedaliere, ma alla fine si è ripresa. Brillante e desiderosa di trovare una professione significativa, si è iscritta al college per studiare psicologia e biologia. Si è felicemente riunita con sua madre, che non era stata nella sua vita da quando aveva 4 anni. Proprio quando Teresa stava per laurearsi, lei e sua madre hanno avuto un incidente d’auto. Sua madre morì tra le sue braccia.

Ancora addolorata, si è immersa nel mondo di Eduardo, facendo propri i suoi interessi. È quello che ha sempre fatto quando si è innamorata di qualcuno. Da adolescente, aveva seguito il suo primo ragazzo dalla Florida a New York City. Il suo secondo amava il baseball, così è diventata subito un’esperta di statistiche e giocatori.

Questa volta, ha imparato da sola lo spagnolo. Prendeva regolarmente un giornale in lingua spagnola, guardava le telenovelas con la sorella di Eduardo e passava la domenica pomeriggio con la sua famiglia allargata. “Tutto il mio essere dipendeva dalla persona con cui stavo”, dice. “

Anche dopo aver lasciato il lavoro per aiutare il figlio a gestire il suo diabete, ha continuato a raggiungere Eduardo sul treno per Brooklyn, salutandolo al mattino con muffin e cioccolata calda. Lui sapeva che lei non lavorava più, ma gli era grato che gli fosse così devota. Poi si girava e tornava a casa, il viaggio di andata e ritorno durava un’ora e mezza ogni giorno.

Progettavano di passare il loro primo Natale insieme. Qualche giorno prima delle vacanze, lei lo ha accompagnato al lavoro. Poi lui è scomparso.

Essere cancellati è uno strazio per chiunque. Ma per Teresa, il colpo emotivo è stato quasi fatale. Dopo aver passato il Natale piangendo sul divano, si è iniettata 60 unità di insulina di suo figlio, una dose letale per la maggior parte delle persone. “Volevo morire e stare con mia madre”, dice. Quando rinvenne, ore dopo, era scossa, scioccata di essere viva – e molto, molto affamata.

Quando Eduardo si presentò alla sua porta dopo 10 giorni di assenza, ebbero una difficile resa dei conti. Lui ha confessato di avere una moglie e un figlio nella Repubblica Dominicana e di essere andato a trovarli. Lei gli disse che aveva tentato il suicidio. La posta in gioco nella loro nuova relazione era improvvisamente molto alta. Lui non era sicuro di voler rimanere con lei. “Se lei voleva uccidersi, forse avrebbe voluto uccidere anche me”, dice.

Sapeva già che Teresa aveva avuto un passato difficile. Ora lei confessava qualcos’altro: aveva un disturbo borderline di personalità. Ha cercato su Google dei video in spagnolo che spiegano cosa passano le persone con il BPD: sentimenti intensi e difficili da controllare di rabbia, insicurezza e odio verso se stessi; sforzi frenetici per evitare l’abbandono; comportamenti autolesionistici come il taglio; sbalzi d’umore estremi; sentimenti di vuoto e attacchi di paranoia. La sua overdose, ha appreso Eduardo, era anche una caratteristica del disturbo. Molte persone con BPD fanno ricorrenti tentativi di suicidio, e fino al 10 per cento si tolgono la vita.

Eduardo ha riconosciuto i sintomi. “Oh, mio Dio”, ha detto. “Questo è proprio da te”.

Quando le persone con BPD amano, amano molto, idealizzando partner e amici e formando relazioni ossessive. Quando le persone amate deludono, chi soffre di BPD va all’estremo opposto, il loro terrore dell’abbandono li porta all’ansia, alla rabbia o alla paranoia. Il dramma dell’amore al limite è stato per molto tempo foraggio per i media e l’industria dell’intrattenimento, dall’amante abbandonato assassino di Glenn Close in Attrazione Fatale alla serie di commedie musicali Crazy Ex-Girlfriend, che prende una piega oscura quando la sua eroina ossessionata cerca di uccidersi. Quando la pop star Ariana Grande e il comico Pete Davidson, che è stato aperto sulla sua diagnosi di BPD, si sono fidanzati dopo solo un mese di frequentazione, i critici dei social media hanno gridato al fallo, sottolineando una convinzione diffusa che le persone con BPD non dovrebbero avere relazioni.

Le amicizie strette, il romanticismo e i legami familiari sono spesso ciò che le persone borderline desiderano di più, e spesso si muovono in stile turbine per conquistare gli altri. Ma sostenere l’intimità è una sfida colossale, poiché il disturbo incarna un paradosso molto toccante: i sofferenti desiderano ardentemente la vicinanza, ma la loro insicurezza preponderante tende ad allontanare le persone più care. Nonostante le azioni autodistruttive che tipicamente mettono in atto, non è impossibile per loro andare oltre l’istrionismo per mantenere la vicinanza – e la stessa stabilità di un partner spesso si dimostra curativa.

Hungers Most Human

“Essere in uno stato borderline significa non sentirsi mai sazi”, osserva lo psicoterapeuta e sociologo Ross Ellenhorn. “Cerchi di sentirti pieno nelle tue relazioni. Eppure non ti riempiono.”

Gérard Dubois
Gérard Dubois

La volatilità e la vulnerabilità della vita al limite, tuttavia, riflette i desideri umani quasi universali. “Siamo tutti creature straordinarie e brutte”, dice Ellenhorn. “Siamo tutti difficili. Nella lista delle cose che ci rendono difficili: Tutti noi a volte chiudiamo la nostra volontà di capire gli altri. Tutti vogliamo essere nutriti a volte. Siamo tutti cablati per reagire fortemente quando la prospettiva del rifiuto incombe”. La paura dell’abbandono mette in ombra anche le nostre relazioni più sicure. Quando un amico sembra evitarci o un collega di lavoro diventa critico, potremmo essere alle prese con la paranoia di essere messi da parte. La dissoluzione di una relazione seria porta tipicamente a una cascata di emozioni difficili e a una diminuzione del senso di sé; può indurci ad agire in modi che normalmente non faremmo.

Anche se la drammatica volatilità del disturbo borderline di personalità gli ha dato una cattiva reputazione come una condizione impossibile da trattare e un tormento continuo per amici, familiari, partner e persino terapeuti, Ellenhorn sostiene che capiremo meglio il disturbo – e noi stessi – quando faremo i conti con i modi in cui si riflette nelle esperienze che tutti condividiamo. “Ho avuto un sacco di interazioni quotidiane che si sentono come assalti quotidiani e stridenti su chi sono. Possiamo chiamarlo uno stato limite, ma si chiama anche lavorare in un ufficio! “In questo modo, sono molto simile alle persone con BPD. La mia capacità di rimbalzo è ciò che mi rende diverso.”

In breve, le parti più buie e difficili della nostra vita assomigliano molto ai criteri diagnostici del BPD. “Tutti entriamo in stati borderline”, dice Ellenhorn. “Il borderline riflette un danno all’attaccamento. Tutti abbiamo lesioni da attaccamento. Ecco perché ho sentimenti molto contrastanti circa l’etichetta diagnostica. Da un lato, è applicata a persone le cui lotte non sono completamente separate dalle esperienze umane di base. Dall’altro lato, quando questi stati diventano tratti, causano profonda angoscia. Sentirsi così è un inferno”

Frank Yeomans, uno psichiatra di New York City, descrive le persone con BPD come “romantici falliti”. Cercano un ideale di amore perfetto e lo perseguono con zelo. Ma non appena le persone di cui sono innamorati sono in ritardo di qualche minuto, o non possono mandare messaggi durante un’intensa giornata di lavoro, chi soffre di BPD va in tilt. Si arrabbiano, si tagliano le linee sulle gambe con un rasoio, smettono di mangiare, o semplicemente fuggono, ritenendo il loro partner il nemico, anche quando la relazione ha un vero potenziale. “Si sentono arrabbiati, ma vedono l’altro come quello arrabbiato, che rifiuta”, dice.

Questo pensiero in bianco e nero è noto come “scissione”. Un amico o un amante è “semplicemente perfetto o si scatena l’inferno”, dice. “La mente borderline non è ancora in grado di integrare i sentimenti d’amore positivi con quelli negativi, come la frustrazione e la rabbia. Poiché ogni relazione include un’intera gamma di emozioni, devi affrontarle tutte per far sì che la relazione funzioni.”

Quando Maddi Mathon, una studentessa di 22 anni di Toronto con BPD, si è iscritta per la prima volta a Tinder, ogni volta che aveva un nuovo appuntamento diventava euforica, immaginando un futuro di matrimonio e figli. Quando le cose inevitabilmente non andavano bene come aveva fantasticato, aveva una “gigantesca delusione” e passava settimane ad ossessionarsi su quello che era successo. “Anche se avevamo passato solo due ore insieme, e lui era a malapena un conoscente, sembrava che ci fosse molto in gioco. Mi sono sentita abbandonata”, dice.

Poi uno dei suoi appuntamenti si è trasformato in una relazione. Il suo ragazzo l’ha sostenuta calorosamente. Dopo sei mesi, il suo lavoro è diventato estremamente stressante. Il suo capo l’ha rimproverata per errori che lei pensava non fossero colpa sua. Un giorno tornò a casa così sconvolta che chiamò il suo ragazzo e gli disse che voleva morire; lo pregò di venire da lei. Lui non poteva lasciare subito la sua casa e le chiese di andare da lui. “Stava facendo del suo meglio, ma dopo questo non mi sono fidata di lui e ho alzato le mie difese”, dice. “È così che il mio BPD si è sempre presentato. Qualcosa va storto e io abbandono la nave. Il ragazzo passa dall’essere una persona fantastica ad una persona terribile”. Lei lo ha lasciato poco dopo.

La sensibilità al rifiuto è una caratteristica chiave del disturbo borderline di personalità, osserva Eric Fertuck, professore di psicologia al City College di New York. A volte, chi soffre di borderline se la cava diffidando di creare qualsiasi tipo di legame emotivo con qualcuno. Altre volte, si fidano troppo. “Hanno paura, quindi possono gettare la prudenza al vento per entrare in una relazione. Poi possono sentirsi traditi quando il partner li delude”, dice. “Oppure possono sentirsi intrappolati in una relazione perché si sentiranno peggio da soli. Possono sentirsi costretti a negare difetti e inadeguatezze nel loro partner solo per sapere che qualcuno è nella loro vita.”

Gérard Dubois
Gérard Dubois

Un’amigdala inquieta

Il modo estremo in cui le persone con BPD vivono il mondo riflette un’anomalia nelle dinamiche cerebrali. In genere, la corteccia prefrontale, la parte del proencefalo responsabile dell’autocontrollo e del processo decisionale, governa il sistema limbico, un insieme evolutivamente antico di regioni del cervello che generano emozioni primordiali come la paura, centrata nell’amigdala. “Le persone con BPD sembrano avere meno input dalla corteccia prefrontale all’amigdala”, spiega Sarah Fineberg, una neuroscienziata clinica presso la Yale School of Medicine. Le scansioni cerebrali di quelli con BPD mostrano che l’amigdala è iperattiva. “Senza l’influenza calmante della corteccia prefrontale”, dice Fineberg, “l’attività dell’amigdala è aumentata tutto il tempo e reagisce più fortemente alle esperienze.”

Gli alti livelli di attività dell’amigdala, i ricercatori credono, incoraggiano anche quelli con BPD a interpretare male alcuni spunti sociali. Sono più propensi a interpretare espressioni facciali neutre come arrabbiati e a sentirsi esclusi.

Un modo per comprendere l’esperienza soggettiva della vicinanza nelle relazioni è quello di guardare le preferenze sullo spazio personale, come le persone reagiscono alla vicinanza fisica con gli altri. I ricercatori hanno scoperto che l’amigdala è un importante regolatore della distanza interpersonale, con un aumento dell’attività quando qualcuno si avvicina troppo. Fineberg sospettava che l’attività dell’amigdala potesse essere un fattore nella difficoltà che i soggetti con BPD hanno nel regolare la vicinanza personale.

Lei e il suo team hanno testato la distanza interpersonale in 30 donne con BPD e 23 controlli sani camminando lentamente verso di loro. Ai soggetti è stato chiesto di indicare quando hanno iniziato a sentirsi a disagio. Quelli con BPD la fermavano a una distanza significativamente maggiore rispetto ai controlli sani. “Le persone con BPD vanno in giro per il mondo con segnali cerebrali che dicono loro costantemente che le persone sono minacciose”, dice Fineberg. “

In un recente studio condotto con il neuroscienziato di Yale Philip Corlett, Fineberg ha scoperto che le persone con BPD sono molto attente ai segnali sociali ma si adattano più lentamente dei controlli sani quando le circostanze cambiano. Notare e reagire a uno spunto sociale – sentirsi spaventati e irti alla minima espressione acida, per esempio – non è lo stesso che adattare il comportamento ad esso. “Le persone con BPD hanno imparato che cercare di cambiare idea quando le cose diventano imprevedibili è inefficace”, dice. “Continuano a usare i vecchi paradigmi anche quando non funzionano bene.”

L’abuso e l’abbandono nei primi anni di vita sono tra i fattori di rischio più significativi per il BPD, spiega Fineberg. I bambini si arrabattano per far fronte all’imprevedibilità dei genitori o di altri caregiver primari: “A volte i caregiver si presentano, ma il bambino non sa quando o in che stato saranno. Noi ipotizziamo che i bambini in questa situazione cerchino di capire il caregiver, e lavorino duramente per adattarsi alle circostanze mutevoli. Una certa quantità di questa esperienza probabilmente contribuisce all’intelligenza emotiva. Tuttavia, se i bambini cercano di adattarsi più e più volte e non hanno successo, possono alla fine imparare che l’adattamento non funziona. Chi soffre di BPD può scoprire che cambiare continuamente strategie per assicurarsi l’attenzione di un custode è energeticamente troppo costoso.”

Intelligenza emotiva annullata

Fertuck del City College trova che quelli con BPD fanno meglio dei controlli sani nell’interpretare le emozioni negli occhi delle persone, che si tratti di civetteria o di scontento. Tale abilità, tuttavia, è motivata da “questa intensa preoccupazione di essere feriti”, dice Fertuck. “Non possono fidarsi del passato. La combinazione di una squisita sensibilità ai sentimenti degli altri e la tendenza ad avere reazioni esagerate al minimo accenno di qualcosa di negativo costituisce ciò che i ricercatori chiamano “il paradosso dell’empatia” del BPD. La pervasiva sensibilità al rifiuto spinge le persone con BPD a leggere accuratamente le emozioni degli altri nel momento, ma, incapaci di dedurre accuratamente il carattere e l’affidabilità degli altri, non possono fare previsioni su come le persone si comporteranno nel tempo. “Qualcuno con BPD potrebbe leggere accuratamente la rabbia nel volto di una persona, e assumere rapidamente questo significa che è una persona minacciosa”, dice Fertuck. “Le persone senza BPD non assumerebbero necessariamente l’espressione arrabbiata momentanea di qualcuno significa che quella persona sarà inaffidabile o minacciosa nel tempo”.

Per Emily Cutler, una studentessa di 23 anni laureata a Tampa con BPD, quella squisita sensibilità verso gli altri, anche quando si sente dolorosa e accende paure di abbandono, è una fonte di orgoglio. “Mi affeziono molto agli amici stretti e agli altri significativi”, dice. “Faccio affidamento sugli altri per soddisfare i miei bisogni emotivi. Questo crea un’opportunità per relazioni personali molto profonde, ma anche un’intensa sofferenza”.

Per altri, la sensibilità del BPD diventa troppo estenuante per includere l’intimità. Per gran parte della sua vita, Ross Trowbridge, un assistente di riabilitazione professionale di 39 anni a Waterloo, Iowa, ha abitato un “inferno vivente”. Aveva un modello di saltare rapidamente nelle relazioni, solo per ritrovarsi a sentirsi terrorizzato. Scompariva improvvisamente, passando giorni a letto, paralizzato da pensieri di suicidio, incapace di mantenere un lavoro. Ha cercato di impiccarsi con la sua cintura ed è stato ricoverato più volte.

Nei quattro anni da quando gli è stato diagnosticato il BPD, ha ampiamente evitato le relazioni romantiche. Ha dato priorità al sonno, al cibo sano, alla terapia e alla meditazione. Recentemente si è sentito abbastanza forte da tornare al lavoro, e si è anche buttato nella difesa della salute mentale come fondatore di #Project I Am Not Ashamed, una campagna per porre fine alla stigmatizzazione del BPD e di altri disturbi di salute mentale.

Trowbridge dice che semplicemente non è pronto ad aggiungere una relazione al lavoro complicato e che richiede tempo per mantenersi stabile. “Ho bisogno di essere cauto nell’andare troppo in alto o troppo in basso. Mentre altri possono cavalcare le onde della gioia e della felicità, io non posso. Può essere pericoloso per me. Potrei stare bene oggi e avere una cintura intorno al collo entro il fine settimana.”

Nonostante, nell’ultimo anno, è diventato vicino a Judd, un uomo di 64 anni con BPD che ha incontrato in un reparto psichiatrico. Con Judd, dice Ross, può essere completamente onesto sul suo disturbo, senza paura di essere giudicato. Sono anche stati in grado di superare gli alti e bassi tipici di ogni amicizia. “Sto imparando molto”, dice Trowbridge. “La mia amicizia mi sta insegnando come avere una relazione.”

Gérard Dubois
Gérard Dubois

Work Before Love

La Sarah Fineberg di Yale sostiene che, con il giusto aiuto, chi soffre di BPD può costruire il muscolo emotivo per relazioni migliori attraverso piccoli e ripetuti incontri al lavoro, nella loro comunità e con gli amici. “Il lavoro prima dell’amore è la prima cosa che la maggior parte dei terapeuti raccomanda”, dice. “Avere relazioni a distanza di braccia che siano stabili e di successo prima di intraprendere relazioni intime. Non fare dell’amore il fondamento della tua base stabile”.

La terapia del dialogo, dicono gli esperti, è fondamentale per trattare il BPD. I farmaci possono aiutare a sedare i sintomi, come l’ansia, ma il trattamento per il BPD è stato a lungo la terapia dialettica del comportamento (DBT), un programma intensivo di formazione delle abilità di gruppo sulla consapevolezza, la tolleranza allo stress, la gestione dei conflitti e la regolazione delle emozioni, integrato da psicoterapia e coaching telefonico. Sviluppato dalla psicologa dell’Università di Washington Marsha Linehan – lei stessa una persona affetta da BPD – la DBT si concentra sul controllo dei comportamenti che caratterizzano il disturbo. I clienti usano tecniche di mindfulness e di tolleranza all’angoscia per sopportare le emozioni dolorose invece di agire attraverso tagli, tentativi di suicidio, sesso non sicuro, abuso di sostanze o alimentazione disordinata.

Potente come la DBT può essere nell’aiutare le persone a smettere di abbuffarsi o a volare in una filippica alla minima delusione, non necessariamente influenza il disturbo sottostante – un fragile, frammentato senso di identità. I miei pazienti vengono da me e mi dicono: “Non mi taglio più, ma non riesco ad avvicinarmi a nessuno. Puoi aiutarmi ad avvicinarmi a qualcuno?”. riferisce Frank Yeomans.

Ha scoperto che la psicoterapia focalizzata sul transfert (TFP), un approccio psicodinamico, aiuta i pazienti a lavorare attraverso i fattori emotivi che innescano il comportamento borderline. Il transfert è una tendenza umana universale a relazionarsi con persone che ricordano altri importanti nel nostro passato – un genitore, un amante – come se fossero quella figura importante. La TFP utilizza il transfert che si verifica tra paziente e terapeuta per ristabilire le relazioni con gli altri. “Il cambiamento in terapia avviene quando il pensiero e la riflessione avvengono mentre l’emozione correlata viene sperimentata in tempo reale nella sessione di terapia”, spiega Yeomans.

In un caso, ricorda, una paziente chiese se poteva prendere in prestito uno dei suoi libri. Quando lui ha rifiutato, lei si è arrabbiata con lui e ha minacciato di lanciare una lattina di soda contro il muro. Dopo averla calmata, l’ha aiutata a riconoscere che dietro la rabbia c’era un sentimento di rifiuto. Una volta consapevole di ciò che stava realmente provando, poté controllarlo e come lo esprimeva. “Attraverso la loro intensa reazione a me, possono guardare la loro esperienza interiore e i loro sentimenti e valutare come stanno reagendo al mondo”, dice.

Quando chi soffre di BPD arriva agli estremi – mendicando i partner per avere attenzione, attaccandoli come nemici ostili, o reagendo a un affronto reale o percepito con l’autolesionismo – lo sconvolgimento emotivo spegne la loro capacità di leggere come si sentono i loro partner. Ross Ellenhorn mette in atto un trattamento basato sulla mentalizzazione, che aiuta i pazienti a recuperare la curiosità su ciò che sta succedendo nella mente di qualcun altro, in modo da poter vedere se stessi dalla prospettiva dell’estraneo. In situazioni di conflitto, li esorta a fare un passo indietro e diventare un detective emotivo, cercando di capire attentamente cosa sta provando l’altra persona.

Il processo è utile a chiunque navighi in un conflitto intenso, trova. “Se non capisci lo stato psicologico di un’altra persona, è molto difficile essere in una relazione”, dice. “Mentalizzare ti insegna che invece di sentirti arrabbiato e pensare che l’altro sia una persona orribile, senti la rabbia e riconosci che è quello che ti sta succedendo. Poi fai un passo indietro e cerchi di capire cosa sta succedendo all’altra persona.”

Tali sforzi terapeutici rendono possibile il recupero dal BPD. In uno studio di 10 anni su 290 persone che erano state ricoverate con BPD, più del 90% aveva superato una pietra miliare di due anni senza sintomi, e l’86% era senza sintomi per almeno quattro anni. La metà ha raggiunto quello che lo studio ha definito come pieno recupero – non solo non avevano sintomi, avevano almeno una relazione stretta e lavoravano o andavano a scuola a tempo pieno. Sedici anni dopo essere stati ricoverati per BPD, il 79 per cento dei soggetti recuperati si era sposato o aveva vissuto con un partner per più di cinque anni.

Ancora, anche coloro che guariscono dal BPD è improbabile che siano mai partner e amici a bassa manutenzione (chi di noi lo è veramente?). I cari hanno bisogno di sviluppare abilità come la gestione dello stress, l’auto-cura e il mantenimento di buoni confini, in modo che possano badare a se stessi mentre aiutano il loro partner, dice lo psichiatra newyorkese Grant Brenner, co-autore di Relationship Sanity: Creating and Maintaining Healthy Relationships. “Con le malattie mentali che influenzano il modo in cui le persone si comportano l’una con l’altra, specialmente se possono essere offensive e dolorose, si richiede di più al partner”, dice.

Ma la vita al limite offre anche un’opportunità per la crescita di ciò che lui chiama il “noi-ness” di una relazione. In ogni relazione, spiega, ogni partner ha bisogni individuali, ma perché la relazione prosperi, i partner devono considerarla un’entità condivisa e nutrirla. “Affrontare il BPD richiede uno sforzo concertato per utilizzare il superamento delle difficoltà insieme per approfondire il legame e costruire un track record di superare le cose insieme, che spesso rafforza la relazione nel tempo”, dice. “Due persone orientate all’apprendimento e alla ricerca della crescita possono usare le sfide del BPD per cementare la relazione piuttosto che allontanarla.”

Cinque anni dopo che Teresa ha giocato i video del BPD per Eduardo, sono ancora insieme. Appollaiato di fronte a Teresa in un pub del quartiere, Eduardo piange ricordando la loro prima crisi. “Quando mi ha spiegato il problema, ho deciso di occuparmi di più di lei”, dice. “Volevo essere lì per lei e volevo aiutarla. Molte persone sarebbero fuggite, ma per me ha avuto l’effetto opposto.”

Stare insieme ha richiesto lavoro. Lei è tornata in terapia; Eduardo ha partecipato ad alcune delle sue sessioni telefoniche, con Teresa che traduceva per lui. Il suo terapeuta ha notato che anche se lui era sposato, era un buon partner per Teresa. Il terapeuta li aiutò anche a stabilire alcuni termini chiari. Se doveva andarsene per vedere sua moglie, doveva dirlo a Teresa in anticipo in modo che lei potesse organizzare il soggiorno di un amico per aiutarla a superare il suo terrore dell’abbandono. Teresa frequentava quotidianamente le sessioni di DBT. Uno dei suoi obiettivi di trattamento era quello di fermare gli ossessivi e lunghi spostamenti con Eduardo.

Dopo i primi mesi difficili, Teresa si è ripresa. Ha finito la sua laurea e ora lavora come case manager per persone con problemi di salute mentale e di dipendenza. Lei ed Eduardo sono devoti l’uno all’altra, così immersi nella vita dell’altro che lui a volte la chiama sua moglie, nonostante il suo matrimonio. “Ho dovuto accettare che se dovevamo stare insieme, quest’altra donna sarebbe stata presente”, dice lei. “In questo momento, va tutto bene. Non so se lui è il tutto e per tutto, ma per la prima volta con qualcuno, sono nella zona grigia invece di pensare che sia tutto o niente.”

Amare qualcuno con disturbo borderline di personalità

Un’amicizia o una relazione romantica con qualcuno che ha BPD può essere difficile. Imparare ad affrontare la situazione, tuttavia, non solo può rafforzare il legame, ma anche aiutare la persona amata a riprendersi.

Tagliare il ferro finché è freddo. Le persone con BPD hanno difficoltà a pensare chiaramente quando le loro emozioni sono alte. Evita le discussioni sui conflitti nella tua relazione finché il tuo partner non si sente calmo e sicuro. “Cerca di non prendere i commenti su di te troppo personalmente quando è angosciata”, dice lo psicologo di New York Eric Fertuck. “

Sottolinea che va bene non essere perfetti. Ogni relazione porta un sacco di speranze e sogni su come sarà l’altra persona. Può essere facile vedere la persona agli estremi: il compagno ideale o l’enorme delusione. “Cerca i modi in cui tu e il tuo partner siete imperfetti e riconosci che questo è normale”, dice la neuroscienziata di Yale Sarah Fineberg. “Riconoscete i vostri errori e le vostre sfide e come potreste beneficiare di un sostegno per cambiare. Riconoscete che le relazioni includono una gamma di emozioni, e a volte vi sentirete turbati l’uno con l’altro.”

Attenzione a non sentirsi in trappola. Le persone con BPD possono minacciare il suicidio o l’autolesionismo per tenerti vicino. Se stai con un partner o un amico solo perché hai paura che non possa sopravvivere senza di te, è il momento di cercare aiuto. La terapia di coppia può essere un ambiente sicuro per esprimere l’impatto del comportamento della persona sulla tua vita. “Quando sposti l’attenzione su di te, stai mandando il messaggio: Ti rispetto, ti stimo, e ti dirò l’effetto del tuo comportamento invece di risparmiarti tutto il tempo”, dice la psicoterapeuta newyorkese Esther Perel, autrice di The State of Affairs e Mating in Captivity. “Più risparmi alla persona i tuoi sentimenti, più la svaluti e più ne hai paura.”

Mantieni la curiosità. Affrontare qualcuno che si trova in uno stato di furia e di impotenza può mettervi nel vostro stesso tumulto emotivo. Cercate di metterlo da parte e chiedete alla persona amata cosa sta succedendo dentro di voi. “La tua curiosità è la medicina di cui il tuo partner ha bisogno”, dice lo psicoterapeuta e sociologo Ross Ellenhorn.

Invia la tua risposta a questa storia a [email protected] Se vuoi che consideriamo la tua lettera per la pubblicazione, per favore includi il tuo nome, città e stato. Le lettere possono essere modificate per lunghezza e chiarezza.

Prendi una copia di Psychology Today in edicola ora o abbonati per leggere il resto dell’ultimo numero.

Immagine Facebook: AT Production/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *